Indice articoli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Costo energia Ci sono molti motivi per spiegare la scarsa diffusione di BOINC: innanzitutto il software è poco conosciuto e probabilmente anche poco pubblicizzato. Inoltre, tra coloro che ne hanno almeno sentito parlare, una quota considerevole decide di non contribuire.
.
 

Tali persone si possono catalogare in alcuni categorie “tipo”: i menefreghisti (“non me ne frega niente né di aiutare il prossimo né della ricerca scientifica”; i pessimisti patologici (“tanto non serve a niente”); gli ipocondriaci (“ma non è che mi si rovina il computer”); i maniaci del complotto (“in realtà lo usa il governo americano per fare chissà quali calcoli oscuri”) ed infine i più nobili, che almeno ci pensano ma poi decidono di no: quelli che guardano alla bolletta o all'inquinamento prodotto dal consumo di elettricità. Perché si sa: usando BOINC il computer utilizza più corrente. Questo articolo, scritto da una persona senza competenze tecnico-elettricistiche ma dotato di alcune competenze economiche, vuole proprio combattere o perlomeno mitigare i timori di queste persone.

 

Partiamo dal solito presupposto: non tutti i centri di ricerca possono permettersi di comperare strumenti sufficienti alla loro attività. I computer in particolare - ed in special modo i supercomputer - sono molto costosi. Non solo: persino il loro funzionamento costa parecchio: elettricità per farli funzionare e per il condizionamento (necessario, i computer scaldano!), personale per gestirli, spazio per installarli... e ce ne sono ancora di elementi da considerare! Ma in questo articolo vogliamo sottolineare l'aspetto dei consumi elettrici. Cominciamo analizzando le due differenti situazioni: 1 Petaflop prodotto da un supercomputer (per il momento è il record assoluto) contro 1 Petaflop prodotto da BOINC (che è circa la produzione giornaliera).

ÿ


Accedi per commentare

Articoli

Written on 17/01/2022, 14:43 by boboviz
rosetta-e-virtualboxDa un po' di tempo il progetto Rosetta@Home sembra aver decisamente puntato sull’applicativo VirtualBox (Phyton), lasciando spesso vuote le code per gli...

Ultime dal Blog

Written on 03/08/2021, 22:27 by boboviz
foldit-e-alphafoldLa "svolta" AlphaFold è una delle più importanti degli ultimi anni, motivo per cui ho deciso di tradurre l'articolo che parla della sua implementazione in...