Indice articoli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Rosetta_banner




Stato del progetto: progetto attivo
Iscrizione libera.

 

Requisiti minimi: hardware
Processore 500 Mhz o superiore, 200 MB liberi sul disco, almeno 512 MB di RAM.

 

Screensaver: disponibile
Lo screensaver mostra in tempo reale i dati della proteina, lo stato dell'avanzamento dell'elaborazione e tutte le varie informazioni tecniche. Per una descrizione dettagliata vedi la pagina precedente. Vedi l'approfondimento su questo stesso articolo.

 

Assegnazione crediti: fissati per singola WU
Quorum = 1 (se è >1 le WU dovranno essere convalidate confrontando i risultati con quelli di altri utenti).

 

Applicazioni e WU disponibili: vedi scheda "Link"
Cliccare sulle icone relative alle "Applicazioni" ico32_applicazioni e allo "Stato del server" ico32_server.

 

Sistemi operativi supportati: vedi scheda "Info tecniche"

 

Dati specifici sull'elaborazione: vedi scheda "Info tecniche"
Per ottenere dati sulla durata media dell'elaborazione, la RAM necessaria e la dead line, consultare la scheda "Info tecniche" qui a destra. Per informazioni particolareggiate (specifiche per applicazione e sistema operativo, intervallo di backup e crediti assegnati) rifarsi alla pagina dei risultati del progetto WUprop@home.
La caratteristica di Rosetta@home è che l'utente può scegliere il tempo di elaborazione delle WU dal pannello delle preferenze specifiche del progetto (Target CPU run time ). Di default è fissato a 3 ore, ma può essere modificata fino a 24 ore. Una via di mezzo accettabile potrebbe essere 6 o 8 ore. E' preferibile effettuare i cambiamenti gradualmente, in modo da non avere problemi di deadline con le WU già scaricate.

 

Problemi comuni: vedi elenco
  • Il computer si blocca con lo screensaver di Rosetta:
E' capitato ad alcuni utenti che quando entra lo screensaver di Rosetta a volte il computer si blocca. Per risolvere il problema basta reinstallare BOINC e nella nuova installazione deselezionare l'opzione "Usa BOINC come screensaver" oppure più semplicemente cambiare lo screensaver del proprio PC sostituendolo con uno tradizionale. Se poi si vorrà vedere il grafico di Rosetta basterà cliccare su "Show graphics" all'interno del BOINC Manager.
  • Molti tasks danno errore e non giungono al termine:

Questo problema il più delle volte può essere risolto semplicemente dal BOINC Manager andando su Advanced/Preferences e selezionando "Leave applications in memory while suspended"/”Lascia le applicazioni in memoria quando sono sospese”.

  • La percentuale di elaborazione torna indietro quando riparte l'elaborazione:

E' un comportamento noto alla comunità di Rosetta, in quanto il client effettua il salvataggio del lavoro (checkpoint) durante l'elaborazione di una WU solo quando passa da un modello ad un altro. Quindi se l'elaborazione viene terminata prima che venga terminata l'elaborazione di un modello al successivo riavvio tale modello dovrà essere ricalcolato da capo. Per limitare questo inconveniente ed evitare di perdere il lavoro svolto con rosetta, ci sono alcuni settaggi consigliati da effettuare nelle impostazioni generali del progetto (la più importante tra tutte è “Leave applications in memory while suspended?”/”Lascia le applicazioni in memoria quando sono sospese” da settare su YES/Si).

  • A quanto conviene impostare il tempo di elaborazione delle WUs (Target CPU run time) su Rosetta? E' indifferente oppure ci sono delle scelte migliori?:

Assolutamente indifferente. La scelta del tempo di elaborazione è appunto lasciata all'utente che, in base alle proprie esigenze/preferenze può decidere la durata delle WUs. Si può settare da un minimo di un'ora a un massimo di 24 ore. Per chi ha una connessione internet lenta (56k) è preferibile settare un tempo lungo di elaborazione in modo da dover trasferire meno dati. Il tempo settato di default è 3 ore ed è quello utilizzato dalla maggior parte degli utenti, mentre molti altri preferiscono aumentarlo a 6 - 8 ore. Per i crediti non cambia nulla perchè vanno in base ai modelli elaborati, mentre con tempi più lunghi di elaborazione si è più utili alla ricerca perchè vengono eseguiti più modelli sulle WUs.

  • Si può modificare la durata delle WU già in cache?:

Si, e questa è un'altra delle caratteristiche di Rosetta. Si può diminuire il Target CPU Run Time per liberare la cache più rapidamente, magari per far posto ad altri progetti o per terminare velocemente le WUs al limite di deadline. Oppure si può aumentare il Target CPU Run Time per far durare più a lungo le WUs già in cache, per ridurre il traffico di rete o per salvaguardarsi da possibili down della rete.
Ogni cambiamento mirato a un innalzamento del Target CPU Run Time deve essere graduale, per evitare di mandare lo scheduler in "panic mode" (overcommited sui Manager 5.4.11 o deadline troubles sui Manager 5.8.x).
La modifica del Target CPU Run Time si effettua dalle preferenze specifiche per Rosetta e va "resa operativa" con un update manuale del progetto dal BOINC Manager.
La modifica del parametro può portare da subito ad una terminazione immediata o ad un allungamento improvviso dei tempi di calcolo poichè il client di Rosetta controlla se proseguire o interrompere l'elaborazione in corso sulla proteina alla fine di ogni modello o all'inizio di una nuova proteina. Come ulteriore conseguenza, tutte le WUs già in cache, ovviamente già precedentemente scaricate, risentiranno della modifica ancor prima di essere mandate in esecuzione poichè le WUs appena ricevute dal server non contengono informazioni sulla durata richiesta, ma hanno solo i parametri legati alla composizione della proteina.

 


Accedi per commentare

Articoli

Written on 17/01/2022, 14:43 by boboviz
rosetta-e-virtualboxDa un po' di tempo il progetto Rosetta@Home sembra aver decisamente puntato sull’applicativo VirtualBox (Phyton), lasciando spesso vuote le code per gli...

Ultime dal Blog

Written on 03/08/2021, 22:27 by boboviz
foldit-e-alphafoldLa "svolta" AlphaFold è una delle più importanti degli ultimi anni, motivo per cui ho deciso di tradurre l'articolo che parla della sua implementazione in...